IL BLOG

Fatto a mano

Il lavoro non è solo produzione per il guadagno, ma anche una bella occasione per tenere caldi i neuroni nel cervello, pensare diversamente, imparare e fare di meglio.

Ogni giorno provo a fare qualcosa di nuovo, un po' per migliorarmi, un po' per il gusto infantile di vedere cosa succede.

Cerco di usare al minimo i computer. Sono attrezzi che mi affascinano, che credo di conoscere abbastanza bene, ma di cui ho capito i grandi limiti: ti impigriscono e ti consigliano cosa fare, giorno dopo giorno ti costringono a parlare come loro, disegnare come loro, impaginare come loro.

Fin qui è una nobile gara. Sono certo di essere più bravo del mio mac a fare le tre cose sopracitate, ma qualcuno potrebbe non essere d'accordo, quindi chiudiamo questa pagina e passiamo a quella successiva. Da quando ho "sfanculato" i computers lavoro molto di più. L'ultimo libro , "52 idiozie da non fare in barca" l'ho scritto e disegnato in venticinque giorni, quello precedente, "Gli yachts che hanno fatto lo yachting" in poco di più, che ai tempi non ero abbastanza allenato.

In breve, i miei disegni che tanti conoscono hanno quasi sempre bisogno di più tempo per essere spediti che per essere disegnati, e la parte informatica, lasciatemelo dire, la trovo di una noia ultraterrena rispetto al piacere dell'usare le mani sulla carta, di veder nascere delle cose dal nulla.

Recenti
Archivio
Cerca un tag
Condividi
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square